DSC 0246Sali da l'Aquila verso Calascio e la sua Rocca dell'XI Secolo, passi per Castel del Monte e quindi su verso Campo Imperatore. Il tempo si è fermato, anzi è tornato indietro. La magia di questo altipiano è unica, non sembra nemmeno di essere in Italia, è quasi Patagonia, Terra del Fuoco... Una sola strada che attraversa la piana e intorno solo prati, pascoli e la lunga cresta che dal Monte Camicia corre verso il corno Grande e incornicia questo incanto. Salendo dal fondo valle Campo Imperatore ti sospende, nel tempo e nello spazio: sei tra la pianura e il massiccio del Gran Sasso, hai la possibilità di recuperare lo sforzo della prima salita prima di attaccare la seconda, verso le creste, devi correre tra i pascoli, nel nulla, cercando la traccia migliore. Spesso il sentiero lo devi intuire, te lo devi creare indirizzando lo sguardo verso la meta. Come facevano i “trailer” di mille anni fa. Dimenticate i cartelli, i segnali, il sentiero tracciato e pulito: questo è un altro mondo!